Vai al contenuto principale

23 maggio 2023 | Guerre del clima. Energia, acqua e materie prime nelle dinamiche dei conflitti armati

Pubblicato: Lunedì 15 maggio 2023

Guerre del clima. Energia, acqua e materie prime nelle dinamiche dei conflitti armati

2023 WEBINAR ReCUI secondo ciclo

Intervengono Dario Padovan, Amedeo Reyneri Di Lagnasco, Davide Grasso, Fiorenzo Martini, Marco Mascia, Pier Paolo Franzese, Paola Raffa, Roberta Ricucci

Organizzato da Cattedra UNESCO in Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio dell’Università di Torino in collaborazione con Centro di Ricerca interuniversitario “Crisis”, Master in “Sostenibilità socio-ambientale delle reti agroalimentari”, Rivista «Culture della Sostenibilità»

23 maggio 2023 ore 17.00
Torino, CLE Aula E3 | Webex

Relatori

Dario Padovan, sociologo
Per un’ecologia politica della guerra
Cattedra UNESCO Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio, Università di Torino

Amedeo Reyneri Di Lagnasco, agronomo
Il ruolo delle materie prime agricole nelle nuove guerre
Cattedra UNESCO Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio, Università di Torino

Davide Grasso, filosofo
L’uso dell’acqua e dell’energia nel conflitto siriano
Cattedra UNESCO Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio, Università di Torino

Fiorenzo Martini, economista
Impronta ecologica e bio-capacità: una rilettura alla luce del nuovo quadro conflittuale di economia mondiale
Cattedra UNESCO Sviluppo Sostenibile e Promozione del Territorio, Università di Torino

Discussant

Marco Mascia
Cattedra Unesco Diritti umani, democrazia e pace, Università di Padova
Coordinatore di Runipace

Pier Paolo Franzese
Cattedra UNESCO Environment Resources and Sustainable Development, Università Parthenope di Napoli

Paola Raffa
Cattedra UNESCO MediterraneanLandscapein Contextof Emergency, Università Mediterranea di Reggio Calabria

Roberta Ricucci
Rappresentante dell’Università di Torino presso Runipace

Abstract

Le guerre richiedono una mobilitazione straordinaria di risorse energetiche e materiali, e costituiscono il rilascio più concentrato e devastante di potere distruttivo. Le guerre più recenti sono sempre più collegate ai radicali cambiamenti climatici globali, sia dal punto di vista delle cause che delle conseguenze. Tale caratteristica fa che i sistemi di fornitura di servizi eco- e geo-sistemici entrino a far parte del conflitto in maniera sempre più sistematica. Il modo in cui vengono gestiti i sistemi di appropriazione, regolazione e fornitura globale di energia, acqua, cibo e materie prime è incorporato e gestito dalla macchina bellica globale. La guerra russo-ucraina propone - accanto ai classici motivi di analisi quali la sovranità, il diritto internazionale, le mire espansioniste degli stati, le tecnologie militari – alcuni aspetti rilevanti per l’analisi del ruolo politico della gestione della natura nei teatri di guerra. Questo workshop intende discutere l’idea secondo cui energia, acqua, biomassa e materie prime siano non solo l’obiettivo di appropriazione di politiche di potenza ed espansione come nel caso dei vari colonialismi e imperialismi, ma siano diventate una importante arma politica per indebolire o rinforzare le varie fazioni e schieramenti nelle varie guerre civili e interstatali. Il workshop esaminerà la gestione di energia, cibo e acqua in alcuni contesti bellici come quello ucraino e siriano. Il workshop si confronta infine con una prospettiva di superamento di tale gestione delle materie prime, riflettendo sulla possibilità di considerareenergia, acqua ebiomassa deicommons da rivendicaree da riorganizzarecome una radicale cultura di pacificazione delle relazioni sociali".

Ultimo aggiornamento: 15/05/2023 17:03
Location: https://www.dcps.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!