Vai al contenuto pricipale

UNIRESST - UNITO for REfugee Students and Scholars Turin unresst_titolo1.jpg

 

Il Dipartimento di Culture, Politica e Società in collaborazione con l’Ufficio Studenti Stranieri dell’Ateneo di Torino ha avviato durante l’A.A. 2015-2016 un progetto pilota che ha offerto a dieci studenti e studentesse rifugiati/e – iscritti/e a diversi corsi di laurea di Unito – un percorso volto a garantire il diritto allo studio attraverso un sostegno burocratico-amministrativo, abitativo ed educativo. 

Nel mese di luglio 2016, il Dipartimento di Giurisprudenza e il Dipartimento di Economia e Statistica "Cognetti de Martiis" si sono affiancati al Dipartimento di Culture, Politica e Società nella realizzazione del progetto. 

L’idea ora è di rendere le attività fruibili a nuovi studenti e studentesse motivati/e a continuare o avviare la loro formazione universitaria, ma spesso impossibilitati a farlo per mancanza di risorse (economiche e sociali).

L’iniziativa è organizzata nell’ambito del progetto del Campus Luigi Einaudi “Cittadinanze”.

Scheda informativa del Progetto

Presentazione del progetto del13 ottobre 2016

 

massimo di 5 studenti e studentesse per anno accademico, aventi un regolare permesso di soggiorno per protezione umanitaria, sussidiaria o per asilo politico, che scelgono uno dei corsi di laurea attivati dai Dipartimenti coinvolti nel progetto

in base al nuovo regolamento per l’immatricolazione degli studenti rifugiati approvato dal Senato Accademico, ciascun Corso di Studio avvierà una modalità di valutazione dei titoli e delle competenze qualora non siano disponibili tutti i documenti necessari all’iscrizione

 

 

la Chiesa Evangelica Valdese e l’Ufficio Pastorale Migranti hanno messo a disposizione le loro accoglienze, per un numero limitato di posti ogni anno, al fine di rispondere alle esigenze abitative di volta in volta incontrate dagli studenti e dalle studentesse

l’Associazione Mosaico Azione per i Rifugiati ha attivato uno sportello per informazioni su residenza, assistenza sanitaria, tessere e abbonamenti. Presso lo sportello, inoltre, si coordineranno sia le attività legate allo studio che quelle connesse ai tirocini professionalizzanti curriculari ed extra-curriculari. Al fine di garantire un sostegno allo studio, si prevede di collaborare strettamente con l’Associazione Frantz Fanon. L’esperienza di lavoro clinico negli anni ha reso familiari gli operatori con le frequenti difficoltà di concentrazione o attenzione, di memoria o di relazione presenti in richiedenti asilo e rifugiati.

lUfficio Stranieri del Comune di Torino mette a disposizione 5 tirocini professionalizzanti all’anno in strutture, aziende, enti le cui proposte di inserimento lavorativo sono coerenti con i diversi corsi di laurea seguiti 

Ultimo aggiornamento: 20/11/2018 10:28
Non cliccare qui!