Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Sa.M.Mi - SALUTE MENTALE MIGRANTI

Tipologia
Progetti nazionali
Ente finanziatore
MINISTERO DEGLI INTERNI
Budget
123.510,83
Periodo
01/09/2020 - 30/06/2022
Roberta Ricucci

Partecipanti al progetto

Descrizione del progetto

L’Università di Torino (Dipartimento CPS, Dipartimento Psicologia) assume il ruolo di coordinamento delle attività formative e di ricerca previste dal progetto, rivolte agli operatori sanitari e socio-sanitari dei CAS e dei servizi territoriali dell’accoglienza. Inoltre, UNITO si occuperà della supervisione delle sperimentazioni (inserimento in percorsi territoriali e residenziali socio-assistenziali di 8 casi – 6 adulti, 2 minori migranti con disagio psichico e problemi legati alle dipendenze), dell’organizzazione e dell’erogazione della formazione a distanza, del monitoraggio, della valutazione, dell’elaborazione e della disseminazione dei risultati del progetto.
L’attività di formazione è volta all’avvio di un percorso di aggiornamento delle competenze degli operatori socio-sanitari dell’accoglienza e sarà preceduta da un’analisi dei fabbisogni formativi, tramite la somministrazione di questionari, interviste e focus group. Così facendo, la formazione di tipo socio-antropologica-etnopsichiatrica – articolata in 4 incontri su 8 territori - sarà declinata in base ai bisogni formativi specifici a diverse categorie, con l’obiettivo di delineare una cassetta degli attrezzi utile per la comprensione e la gestione delle differenze nell’accoglienza. Una seconda fase di attività di formazione prevedrà 4 incontri volti all’analisi di casi e alla supervisione in piccoli gruppi di tipo socio-antropologico. Infine, è prevista una formazione psicologica propedeutica alla fase di sperimentazione, tramite la valutazione del caso al momento della presa in carico – 8 incontri online. Come risultato, saranno prodotte delle schede utili per l’aggiornamento delle conoscenze in ambito psicologico applicato alla relazione fra cittadino straniero e marginalità/problemi di dipendenze.
Attività:
- Coordinamento, monitoraggio e gestione del progetto
- Analisi dei fabbisogni formativi degli operatori dell’accoglienza
- formazione socio-antropologica-etnopsichiatrica in modalità frontale
- analisi dei casi e supervisione in piccoli gruppi dal punto di vista socio-antropologico
- formazione psicologica propedeutica alla sperimentazione con assessment
- attività di assessment
- analisi dei risultati, sviluppo di linee guida e disseminazione 

Ultimo aggiornamento: 16/03/2021 12:53